Sedimenti e Bulbi

Cerchi una fornitura di piante vicino alla tua abitazione?

In questa sezione potrai richiedere un preventivo gratuito per ogni servizio di cui hai bisogno.

I vivai della tua zona ti contatteranno fornendoti varie offerte.

In questo modo potrai confrontare i diversi preventivi e scegliere quello che fa al caso tuo!


Acconsento al trattamento dei suddetti dati personali come indicato nell’informativa sulla privacy  al fine di poter usufruire del servizio.
Al fine di migliorare la mia esperienza utente, acconsento all'invio di offerte, promozioni, comunicazioni e newsletters.
Cicca per informativa privacy completa
Accetto

Descrizione Sedimenti e Bulbi

Le piante sia da giardino che da orto si distinguono in piante da: sedimenti e bulbi.
Le piante da ortaggio da bulbi sono per esempio l’aglio e la cipolla, che però può essere piantata in entrambe le versioni; da sedimenti, invece, sono il finocchio, il basilico, per il quale ad esempio serve 1 grammo di semi per ogni metro quadro di orto, la melanzana, la zucchina, il peperone, il carciofo, la bietola ecc.
Tra i fiori da sedimenti ci sono: la begonia, le bocche di leone, la calendula, il ciclamino, la dalia, l’euforbia, le varie specie di garofano, il geranio, la gerbera, il girasole, la margherita, la mimosa, la passiflora, la petunia, il peperoncino ornamentale, la verbena, la viola ecc.

I bulbi, che assomigliano a dei cipollotti, sono vere e proprie piante in miniatura. I bulbi sono, infatti, formati da un fusto molto corto, detto disco o girello, da foglie, dette catafilli, avvolte intorno alla gemma, e da radici. Sono bulbi fiori come i giacinti, l’amarillide, le scille, i narcisi, le dalie, gli anemoni coronari o japonici, i tulipani ecc.

Piante da sedimenti e bulbi, vogliono anche tipologie di terreni differenti. I bulbi, per esempio, prediligono terreni di tipo sciolto, che non presentano cioè sassi e residui radicali di altre piante.
I bulbi, inoltre, devono essere interrati seguendo delle precise regole che variano a seconda della grandezza dei bulbi stessi: quelli più piccoli possono essere interrati a profondità di 10/15 centimetri, quelli più grandi a 25 centimetri.

Per quanto riguarda, invece, la concimazione, questa deve essere effettuata con composti minerali formati da azoto, fosforo e potassio.
Attenti inoltre a che il terreno non si inzuppi d’acqua: i bulbi infatti non sopportano i terreni fradici d’acqua. La composizione migliore del terreno per la coltivazione di bulbi dovrà avere una umidità costante e una percentuale di sabbia pari al 15%.

Trova il professionista per Sedimenti e Bulbi nella tua zona