Piante Aromatiche

Cerchi una fornitura di piante vicino alla tua abitazione?

In questa sezione potrai richiedere un preventivo gratuito per ogni servizio di cui hai bisogno.

I vivai della tua zona ti contatteranno fornendoti varie offerte.

In questo modo potrai confrontare i diversi preventivi e scegliere quello che fa al caso tuo!


Acconsento al trattamento dei suddetti dati personali come indicato nell’informativa sulla privacy  al fine di poter usufruire del servizio.
Al fine di migliorare la mia esperienza utente, acconsento all'invio di offerte, promozioni, comunicazioni e newsletters.
Cicca per informativa privacy completa
Accetto

Descrizione Piante Aromatiche

Grazie alle loro proprietà, le piante officinali vengono utilizzate per la produzione di prodotti farmaceutici. Esse si distinguono dalle piante definite medicinali, in quanto vengono utilizzate dalle officine farmaceutiche indipendentemente dal possesso o meno di proprietà medicali. Le farmacopee dei singoli paesi possiedono, infatti, il loro singolo elenco di piante officinali, in quanto il loro numero così come il loro specifico utilizzo varia da paese a paese.

L’uso più comune delle piante officinali riguarda la correzione del gusto di molti farmaci, come ad esempio gli sciroppi: a seguito dell’aggiunta di queste piante, infatti, si allieva il gusto amarognolo e le medicine acquistano il sapore di limone, fragola ecc...

Le piante officinali spontanee sono invece soggette alle disposizioni di legge numero 99 risalente al 1931 e dal successivo decreto regio n. 772 del 1932.
Tra le piante officinali spontanee troviamo: la camomilla (matricaria chamomilla), usata per la produzione di infusi dalle proprietà blandamente sedative. Essa inoltre ha qualità antinfiammatorie e calmanti di patologie come la sciatica o il torcicollo; ha qualità digestive e spasmolitiche, può essere usato nella cura della dismenorrea, e dei reumatismi; viene anche consigliata per i problemi di dentizione, nelle sindromi premestruali, e in varie malattie come otiti e coliche.

Anche la dulcamara è una pianta officinale spontanea, utilizzata per le malattie provocate da ipotermia, come la dissenteria e le cistiti; l’elleboro, ha invece proprietà cardiotoniche, narcotiche, curative degli edemi, e l’estratto fluido delle radici e del rizoma ha proprietà sedative e purgative dell’intestino; la genziana, che ha funzioni aromatizzanti; la belladonna, che viene utilizzata come antiemorridario lenitivo, e antimuscarinico; la belladonna è inoltre indicata contro spasmi e coliche e nella cura di disturbi come l’asma, la dismenorrea e i tremori; l’artemisia, invece, ha proprietà toniche, digestive, antinfiammatorie, antisettiche, e antispasmodiche, attenua cioè gli spasmi muscolari, e rilassa il sistema nervoso

Trova il professionista per Piante Aromatiche nella tua zona