Disturbi dell'eccitazione

Compila il form che trovi su questa pagina per essere contattato direttamente dagli psicologi più qualificati.

Il servizio di richiesta preventivo è gratuito.


Acconsento al trattamento dei suddetti dati personali come indicato nell’informativa sulla privacy  al fine di poter usufruire del servizio.
Al fine di migliorare la mia esperienza utente, acconsento all'invio di offerte, promozioni, comunicazioni e newsletters.
Cicca per informativa privacy completa
Accetto

Descrizione Disturbi dell'eccitazione

Se la persona affetta da un disturbo del desiderio evita a monte l’esperienza sessuale visto che non ne sente attrattiva, chi soffre di disturbi dell’eccitazione conserva l’appetito sessuale nei confronti del partner ma ha difficoltà a raggiungere o mantenere fino al completamento dell’attività sessuale un adeguato eccitamento sessuale.

Contrariamente a quanto si possa ipotizzare, i disturbi dell’eccitazione non contemplano solo il mondo maschile ma abbracciano uomini e donne. I disturbi dell’eccitazione, infatti, possono essere così classificati:

Benchè nell’immaginario collettivo, quando si parla di disturbo dell’eccitazione, si pensa subito alle disfunzioni erettili ed alle conseguenze psicologiche secondarie al disturbo stesso, è necessario precisare che, come il disturbo maschile dell’erezione anche il disturbo dell’eccitazione sessuale femminile provano un marcato senso di stress e disagio interpersonale.

Il disturbo dell’eccitazione femminile può avvenire tanto a livello mentale e soggettivo quanto a livello genitale (assenza di lubrificazione); inoltre oltre al deficit dell’eccitazione dobbiamo considerare anche l’eccitazione persistente o per meglio intenderci quella che un tempo era definita ninfomania e che oggi è considerata espressione di un disturbo borderline di personalità.

Le disfunzioni erettili, invece, sono considerati espressione di cause organiche e psicologiche in quanto i fattori si intersecano tra di loro e correlano nel tempo contribuendo al mantenimento del disturbo. Volendo esemplificare basti pensare ad una disfunzione erettile temporanea causata da fattori organici o farmacologici e la persistenza della sintomatologia anche eliminate le cause organiche o i farmaci sostenuta da fattori psicologici come l’ansia da prestazione.
Aldilà del disagio soggettivo e delle ripercussioni sulla propria autostima i disturbi dell’eccitazione sottopongono i soggetti ad elevati livelli di frustrazione al punto da poter evolvere in disturbi del desiderio.

La qualità della vita sessuale dei partner diminuisce fino all’evitamento dell’intimità stessa.  Sottoporsi ad una psicoterapia e chiedere aiuto ad uno psicologo può essere risolutivo del disturbo dell’eccitazione e delle conseguenze negative ad esse annesso.

Non esitare, contatta il nostro numero verde e affidati ai professionisti del settore che collaborano con Imprendo.

Trova il professionista per Disturbi dell'eccitazione nella tua zona