Disturbi del desiderio

Compila il form che trovi su questa pagina per essere contattato direttamente dagli psicologi più qualificati.

Il servizio di richiesta preventivo è gratuito.


Acconsento al trattamento dei suddetti dati personali come indicato nell’informativa sulla privacy  al fine di poter usufruire del servizio.
Al fine di migliorare la mia esperienza utente, acconsento all'invio di offerte, promozioni, comunicazioni e newsletters.
Cicca per informativa privacy completa
Accetto

Descrizione Disturbi del desiderio

I disturbi del desiderio rientrano nella clinica della psicopatologia sessuale e si declinano in tre tipologie : disturbo del desiderio ipoattivo, disturbo da avversione sessuale e frigidità.
In tal senso, chi soffre di un disturbo del desiderio, appare come un individuo privo o quasi di appetito sessuale.

I disturbi del desiderio possono derivare da cause organiche come da deficit delle gonadotropine, menopausa, diabete mellito o essere conseguenza dell’assunzione di farmaci come benzodiazepine, antidepressivi e antistaminici ma, in alcuni soggetti, può non essere secondaria ad una patologia organica o all’uso di sostanza.

Cosa fare se provi disagio in relazione ad una persistente o ricorrente scarsità di fantasia e desiderio sessuale non conseguenza di cause organiche o farmacologiche?

Escluse cause organiche o farmacologiche resta il fattore psicologico.

Simonov (1981) nell’esporre la sua teoria “Need Information Theory” afferma che “alla lunga, un desiderio frustrato, non potrà fare altro che negarsi l’esistenza”.

Intrinseca in questa affermazione vi corollario per cui l’inibizione del desiderio protegge dal rischio di esporsi ed esprimersi così da evitare un ipotetico rifiuto.

Chi soffre di un disturbo del desiderio, quindi, è come colui che non desidera al fine di non rimanere deluso ma, ponendo a livello preliminare l’evitamento dell’esperienza  e, cioè, appunto del desiderio, l’individuo eviterà tanto le tensioni quanto il piacere imprigionato in uno stato senza angoscia ma anche senza vitalità.

Naturalmente l’inibizione del desiderio sessuale non è sempre da considerarsi una patologia in quanto, spesso, può essere frutto di una libera scelta come l’astinenza per motivi religiosi, la discriminante tra normalità e patologia, anche in questo caso, è dato dalla sensazione di disagio stessa.

Come le fobie, le ossessioni o le dipendenze anche i disturbi del desiderio possono avere cause psicologiche e possono regredire grazie a psicoterapie mirate.

Se non sei soddisfatto della tua vita sessuale e vivi con disagio un deficit del tuo appetito sessuale o di quello del tuo partner rivolgiti ad uno psicologo e chiedi un consulto. I professionisti del settore sapranno aiutarti per restituirti la vitalità di godere del piacere di desiderare.

Trova il professionista per Disturbi del desiderio nella tua zona