La sublimazione

Articolo approfondimento del di

I meccanismi di difesa

Fra i meccanismi di difesa che il nostro io produce, la sublimazione costituisce senz’altro uno dei più interessanti, oltre che incredibilmente utili. I meccanismi di difesa, ricordiamo, sono quei comportamenti che noi umani naturalmente mettiamo in atto in risposta ad una situazione indesiderata, di un dramma, che di solito ci ha colpiti recentemente e con caratteri traumatici. Dolore e depressione possono essere in qualche modo allontanati, respinti o mascherati adoperando alcuni sofisticati meccanismi mentali come la rimozione o la negazione (o la sublimazione appunto). L’uomo ha bisogno di utilizzarli poiché vuole tirarsi fuori dalla scomoda vicenda il prima possibile, in modo da riprendere le sue abitudinarie attività ed riottenere un meritato equilibrio mentale.

Il meccanismo della sublimazione, come accennato, è estremamente interessante. Lo è per diverse ragioni. Attraverso la sublimazione il soggetto cerca, infatti, in maniera consapevole o meno non importa, di combattere ed al contempo allontanare i pensieri negativi, immergendo tutto sé stesso in una particolare attività, per lo più lavorativa, artistica o di natura sociale. Così facendo, scatena una reazione altamente positiva, quasi esplosiva, mediante la quale il dolore finisce per trasformarsi in una forte energia costruttiva. Non è un caso se i maggiori artisti della storia, in tutti i campi, hanno fatto un abbondante uso del proprio dolore per comporre le loro opere più conosciute. Stesso discorso vale per i grandi filantropi e per i lavoratori di successo. La sublimazione funziona, quindi, come una molla interiore, capace di tirar fuori tutte quelle potenzialità che per natura rimangono nascoste nel nostro inconscio.

Freud, uno dei maggiori studiosi della teoria della sublimazione, per fare un esempio, sosteneva che “la sublimazione è destinata a procurare le energie per gran parte dei nostri apporti alla civiltà”. Non aveva tutti i torti.

Oggi la parola sublimazione viene utilizzata in più contesti ed è sostanzialmente entrata a far parte del linguaggio popolare. Sublimare quindi è diventato sinonimo di innalzare, elevare, esaltare o, come dice la parola stessa, rendere sublime.

Immagini correlate


Link utili